MOBILITA' URBANA - CONTRASSEGNO DISABILI


ICF - World Health Organization (WHO)

i documenti dell'OMS e il cambio concettuale di disabilità

ICF - Classificazione ...


la Musica a servizio della Disabilità -

MUSICOTERAPIA - La musicoterapia è una modalità di approccio alla persona che utilizza la musica o il suono come strumento di comunicazione non verbale, per intervenire a livello educativo, riabilitativo o terapeutico, in una varietà di condizioni patologiche e parafisiologiche.


INVITI VARI -


COMUNICATI VARI -

23 GIUGNO 2023 incontro su disabilita Bagheria
Word – 34,4 KB 56 download

23 GIUGNO 2023                                                                                                                                             AT-Assemblea Territoriale di Partinico: sezione di Bagheria

                                                                                                    Bagheria – Servizi sociali e Disabilità

Risultanze dell’incontro del 23.06.2023 tra l’Assessorato ai Servizi sociali di Bagheria e il gruppo locale di Cittadinanzattiva sui Servizi di Assistenza socio – sanitaria nel territorio, in particolare su quelli offerti alla Disabilità.

 

              Negli ultimi mesi tra Febbraio e Giugno, il Dott. Antonio Giacalone che collabora con l'Ass.ne Pier Enrico Ling, nonché iscritto a Cittadinanzattiva, ha partecipato come organizzatore e moderatore di diversi seminari sulle Disabilità e sul ruolo delle Istituzioni nella tutela dei Disabili. Da questi seminari, a cui hanno anche partecipato componenti dell’Ass.to Regionale (dott.ssa Nuccia Albano) e vari Dirigenti dello stesso Ass.to, è emersa l’esistenza di numerosi fondi messi a disposizione dalla Regione ai Comuni che vogliono avviare progetti e politiche socio-assistenziali e di Inclusività; e, in particolare, per il  “Dopo di Noi”, regolamentato dalla legge 112/2016.

               Preso atto di ciò, il gruppo di Cittadinanzattiva di Bagheria ha chiesto ed ottenuto dall’Assessorato alla Famiglia e alle Politiche Sociali del Comune di predisporre per il 23.06.2023 un incontro per potere avere contezza del come il Comune si stia adoperando per accedere ai suddetti fondi o se già abbia avviato progetti per i Disabili bagheresi, giusto per evitare di perdere importanti occasioni riguardo i Servizi da offrire appunto alla Disabilità.

Dall’incontro è emerso che:

  • Sono state impegnate somme dai fondi PNRR per utilizzare l’immobile, confiscato alla mafia, Villa Pistoia (ubicato sul lungo mare Aspra) per il “Dopo di Noi”,regolamentato dalla legge 112/2016. Lo stesso immobile già nel 2017 era stato destinato ad uso collettivo (previo l’impiego di 200000,00 euro per renderlo agibile).
  • Sempre da fondi PNRR, l'immobile di via Serradifalco, utilizzato in passato come comunità alloggio per disabili psichici, viene ora destinato ad housing temporaneo nonché a stazione di ‘posta’ (luoghi di primissima accoglienza e inclusione sociale per persone senza dimora o estremamente vulnerabili).
  • Con fondi Europei si sta provvedendo ad adeguare un altro immobile che potrà accogliere almeno 4 persone adulte con disabilità.

               L’Assessore al ramo, oggi F.sco Gurrado, si è riservato di recarsi presso l’Assessorato alla Famiglia Regionale per verificare la disponibilità di eventuali altri bandi per somme da destinare al “Dopo di Noi” o all’inclusività dei disabili.

               L’Assessore, su richiesta di Ferrante Grazia, ha fatto un po' di chiarezza sull’Assistenza Socio-Sanitaria nelle scuole Medie ed Elementari, che aveva visto quest’anno dei ritardi nella presentazione dei Bandi per i servizi Migliorativi ed Integrativi.  Ci è stato assicurato che, grazie a fondi comunali, il servizio sarà attivo già dal primo giorno di scuola del prossimo anno scolastico.

              Da più parti e in particolare da A.lla Balistreri è stato evidenziato anche l’importantissimo ruolo della Famiglia nell’accudire il proprio caro, bisognoso di maggiori attenzioni e cure, puntualizzando la necessità di un supporto psicologico nonché specialistico per le stesse famiglie oltre ai contributi economici già previsti per legge.

              Purtroppo, appare che, rispetto ad altri comuni, Bagheria si trovi ancora indietro nelle Tutele dei diversamente abili. E la stessa Balistreri (anche lei iscritta a Cittadinanzattiva e con molta esperienza maturata sia nell’interpretazione delle normative sui Disabili che nell’accudimento di disabile a 360°, ha proposto, basandosi su normative Nazionali e non solo, che si debba deliberare per il Garante dei diritti delle persone con disabilità. Figura fondamentale fra l’altro già ampiamente presente in diversi comuni Siciliani, quali: Corleone, Piana degli Albanesi, Bisacquino, Prizzi, Ciminna, Valledolmo, Partinico, Monreale, Trapani, Acireale, Castelbuono, Valderice, Palermo, Erice.

              Altro suggerimento è stato quello di inserire nel Sito del Comune di Bagheria una sezione ad hoc sulle iniziative e/o delibere relative alla Disabilità.

              È stato, inoltre, chiesto all’Ass.re che nelle linee  politico-sociale ed  anche nella pianificazione di interventi Strutturali delle opere Pubbliche cittadine, si tenga sempre presente quelle che sono le  definizioni di Disabilità dettati dall’OMS – Organizzazione Mondiale della Salute (Rapporto sulle disabilità 2011) e nell’ICF-Classificazione Internazionale del funzionamento della disabilità e della salute, che meglio risponde ad una visione ‘variabile’ della disabilità grave sulla quale incidono oltre che le condizioni di salute anche il contesto e i servizi offerti alla persona con disabilità. Infatti, secondo questo strumento le barriere ambientali aumentano il bisogno di assistenza mentre la migliore accessibilità e la disponibilità di più ausili generalmente diminuiscono il bisogno di assistenza. Ragione per cui una stessa disabilità in ambiti sociali diversi può essere considerata più o meno grave.

             Al fine di poter realizzare fattive sinergie tra le Amministrazioni e le Associazioni dei familiari e dei disabili, si è posta  all’attenzione di tutti, la costituzione dell’Osservatorio provinciale sulla condizione delle persone con disabilità  (già realizzato a Siracusa), ossia  un organismo consultivo e di supporto tecnico-scientifico per l'elaborazione delle politiche provinciali in materia di disabilità, che si ispira all’Osservatorio Nazionale istituito ai sensi dell'articolo 3 della legge 3 marzo 2009, n.18. L’Osservatorio mira a coinvolgere le Istituzioni, a partire dal livello più prossimo al cittadino, non a caso posto alla base dell’architettura istituzionale fissata dalla Costituzione (art. 114 Cost.). ed in esso è previsto (per il comitato che lo compone) un referente per ognuna delle organizzazioni che a carattere nazionale o locale sono rappresentative di persone disabili, di loro familiari e di operatori di volontariato.

            Questo organismo, potrebbe rappresentare un diverso modo di intendere le politiche e le azioni volte in favore e a sostegno delle persone con disabilità, come modello di osservazione e intervento sulla disabilità basato proprio sulla promozione dei diritti umani fondamentali, volto a rimuovere tutte le forme specifiche di discriminazione che la Convenzione sui diritti delle persone con disabilità impone.

            L’Assessore dichiara di essere disponibile a poter dare attuazione ai suggerimenti indicati che dovranno comunque essere oggetto di successivi comuni approfondimenti.

            Infine, si è colta l’opportunità per avere dall’Ass.re una qualche indicazione sulla CdC - Casa della Comunità e Casa della Salute. In sintesi, l’Assessore riferisce che Palazzo Busetta, come già noto, è l’immobile destinato alla CdC e che l’ASP completerà i lavori, anche per la Casa della Salute, entro i termini previsti. Comunque, ci si riserva di trattare tali realizzazioni in successivi momenti; a questo incontro, infatti, ne faranno seguito altri al fine di definire un programma fattivo per un percorso di miglioramento dei servizi ad oggi offerti, col coinvolgimento sia delle famiglie (in modo fondamentale e prioritario) che delle associazioni di volontariato disponibili.

 

I referenti: Antonella Balistreri -  Grazia Ferrante - Antonio Giacalone

Letizia Ferrante rappresentante di Cittadinanzattiva locale di Bagheria

 


Aggiungi commento

Commenti

Non ci sono ancora commenti.