Giugno 2024 : Decreto per liste d'attesa

Allegato 1717593265 240607 092732 Pdf
PDF – 144,7 KB 2 download

IMPORTANTE!!!! : modello Istanza per prestazione in regime di attività libero-professionale intramuraria  - (scarica MODELLO a lato)

 

 

 

dedichiamo questa pagina a tutto quanto afferente le LISTE DI ATTESA in Sicilia - (è sempre interessante andare nel sito dell'Assessorato alla Salute-Sicilia nonché sui siti delle singole Asp nella pagina link vari)

Istanza Per Prestazione In Regime Di Attivita Libero Professionale Intramuraria
PDF – 57,8 KB 31 download

scarica e leggi  Deliberazione n. 317 del 27 luglio 2023. “Aggiornamento del Piano Operativo di recupero delle Liste di attesa - Apprezzamento”. 

07 AGO 2023 Delib Asp 6 n.1223
PDF – 8,2 MB 56 download
10 AGO 2023 Delib Asp 6 n.1255
PDF – 8,7 MB 30 download
18 AGO 2023 Delib Asp 6 n.1256
PDF – 8,3 MB 32 download

04 Ago 2023: breve commento dell'avv.L.Anile Presidente onorario di Cittadinazattiva Sicilia

Oggetto: Piano operativo regionale per l’abbattimento delle liste di attesa. Previsto un finanziamento di euro 48,5 milioni; previsto il coinvolgimento delle strutture specialistiche private convenzionate a supporto del sistema sanitario pubblico. 

______________________ 

Cari amici,

Il 25.10.2003 Cittadinanzattiva Nazionale ha celebrato una giornata di mobilitazione in difesa del Servizio Sanitario Pubblico che il Movimento vedeva in seria difficoltà. In conseguenza veniva raccomandato alle AA.TT. di affiggere negli Ospedali una targa riportante la seguente frase: "Il Servizio sanitario pubblico appartiene ai cittadini. Nessuno è autorizzato ad indebolirlo o cancellarlo". In quella occasione una targa a Catania è stata collocata su una parete dell'area adiacente l'ingresso dei locali del vecchio Pronto Soccorso del Presidio Ospedaliero Garibaldi e credo che ancora non sia stata rimossa. Il ricordo di quella sobria cerimonia, svoltasi in presenza di cittadini ed operatori sanitari del Presidio, mi dà l'opportunità di riflettere su SSP, oggi alquanto precario e molto indebolito rispetto a ieri, sia nelle strutture che nella sua evoluzione.

Sovente viene ripetuto che il SSP non è di destra, nè di sinistra. Su ciò non possiamo che essere d'accordo, perché quello che conta è l’assistenza e la cura dei malati. Il guaio è che i Governi possono essere di destra o di sinistra e quindi si occupano del Servizio sanitario con prospettive decisamente diverse e talvolta anche opposte. Da ciò, a  fare del Servizio sanitario una questione politica, il passo è breve con risultati che possono dividere il Paese. Tutto questo ha portato alla regionalizzazione dei servizi sanitari che, per il modo in cui si sono sviluppati, hanno avuto una frammentazione ed una differenziazione di standard di accesso, che, indubbiamente ha inciso sulla equità e sulla qualità, indebolendo la centralità del cittadino; in tante realtà del Paese e, soprattutto nel Meridione, si segnalano arretratezza nei servizi sanitari, carenza strutturale, di personale, sprechi clamorosi, disattenzione alla sofferenza umana, al dolore e alla dignità dell'uomo.

 Il Ministro della salute, in un recente Question time ha sottolineato che “le lunghe liste di attesa e rinunzie dei cittadini sono il sintomo di un sistema che ha nelle sue cause la disorganizzazione… Malgrado ciò, sono convinto che le cose possono cambiare, se si decide di ripartire dai cittadini, dalle loro esigenze e dai tanti professionisti e operatori, che sono presenti nei servizi sanitari. Poiché la qualità dei servizi va misurata sui cittadini, è importante dare a questi più strumenti di intervento, attraverso la partecipazione alla gestione del Servizi Sanitario. Cosa sono la salute, la corretta gestione delle risorse pubbliche, l'attenzione alla persona, se non dei grandi beni comuni di cui i cittadini si devono occupare e su cui la politica non può e non deve restare indifferente? Chi vive nel Meridione sa dell'audacia e dell'intelligenza che lo caratterizza e sa di non perdersi in chiacchiere per essere di esempio agli altri.

Questa riflessione voglio portare a conoscenza di Cittadinanzattiva Sicilia, perché nelle Assemblee, negli organismi di partecipazione, sia oggetto di approfondimento e di eventuale condivisione.

 

(Luigi Anile Presidente onorario di Cittadinanzattiva Sicilia Onlus)


QUANTI VOLESSERO FARE UN QUALCHE COMMENTO POSSONO UTILIZZARE "AGGIUNGI COMMENTO" SOTTO RIPORTATO


Aggiungi commento

Commenti

pia
10 mesi fa

Negli ambulatori non si vedono cittadini in attesa di visite.Quante visite dovrebbero fare i medici durante il turno di lavoro? Chi controlla? I report sono mensili o telematici? Con immediata verifica? Perchè non viene fatto un aumento in denaro sulle prestazioni? Diamo Stipendio di base più un incentivo per ogni prestazione, diminuirebbero le visite private e le liste di attesa.( Un tempo chi lavorava nel pubblico non poteva fare attività privata).